Giochino pasquale

by

Che cosa è l’animaletto che Onzina abbraccia nella sua foto (v. commento a Telegiornali e referenzialità)?

Annunci

22 Risposte to “Giochino pasquale”

  1. furyomori1 Says:

    Non riesco a capire se sia un gattino o un coniglietto…ad ogni modo qualcosa di morbido e teneroso…

  2. carlotta Says:

    Eh eh…vi svelerò l’arcano a Pasqua…

  3. Valen Says:

    E’ un Carlino? Le mie diottrie mi suggeriscono un muso scuro (con lingua annessa) in corrispondenza di quella che sembra essere una medaglietta. Tuttavia riconosco che in quella manciata di pixel potrebbe esserci qualsiasi cosa, sembra di osservare le macchie di Rorschach! 😀
    Ho indovinato?

  4. carlotta Says:

    No, carlino no. Che cinofila sarei se mi comprassi un cane che neanche riesce a respirare?(i carlini hanno il setto nasale cortissimo e hanno spesso grossi problemi respiratori, ndr)

  5. marioelio Says:

    Conoscendo Onzina dovrebbe trattarsi di un dolcissimo rottweiler, ma è forse un russel-terrier?

  6. carlotta Says:

    Il colore è simile a quello del Jack Russel terrier, ma non ci siamo…Non è neanche un rotweiller.Se solo avessi saputo che il giochino sarebbe piaciuto avrei messo una foto più difficile da decifrare.Comunque l’idea è stata molto simpatica prof!Tra l’altro noto con piacere che non sono l’unica a conoscere le razze canine

  7. furyomori1 Says:

    Non potrebbe essere un maialino dall’insolito colore?

  8. marioelio Says:

    a proposito di cani, c’è una bella vignetta che esprime piuttosto bene come in internet chiunque possa essere chiunque altro: http://www.epatric.com/funstuff/dog/

  9. carlotta Says:

    Molto simpatica la vignetta!Dove se ne possono trovare delle altre?Dopo le vacanze le porterò a vedere le mie allora…Non è un maialino nano vietnamita.Per quanto ami gli animali un maiale in braccio non lo terrei mai.

  10. Valen Says:

    Quella vignetta me ne ha ricordata un’altra che proiettarono durante il corso di informatica del triennio. Il disegno rappresentava due persone (un uomo e una donna) in chat l’uno con l’altra; entrambi, d’aspetto tutt’altro che gradevole, immaginano il proprio interlocutore – rappresentato in un baloon sopra le loro teste – come il non plus ultra della bellezza.

  11. marioelio Says:

    Ho scoperto che è un gattino: andando sul link http://wordpress.com/tag/ipertesto/ (bisogna dire che ci citano varie volte…) la foto di Onzina è più grande e si capisce il genere di animaletto peloso.
    Buona Pasqua

  12. furyomori1 Says:

    Mi sembrava troppo morbido per essere un cane!!!!!

  13. carlotta Says:

    Beccata!Ieri volevo mettere una foto grande sul blog, ma la mia totale incapacità in campo informatico me lo ha impedito!Sì, è una micetta tartarugata adorabile di nome Melba; tre anni fa ho letteralmente costretto il mio ragazzo -con la mia consueta arroganza- a prenderla perchè è troppo carina; all’inizio era riluttante, tuttavia ora è contentissimo di averla. Buona Pasqua a tutti!!

  14. furyomori1 Says:

    Ma adesso che questa grande attrazione del giochino si è conclusa, non c’è il rischio che il nostro blog perda di seguito?

  15. carlotta Says:

    Beh se volete di foto con animali strani ne ho parecchie!Comunque mi stupisce che il giochino non abbia attirato nessuna utente di sesso femminile!

  16. carlotta Says:

    Comincio a segnalare un sito -con svariati link attraverso i quali si può accedere a pagine web di tutto il mondo- in cui è descritto in modo molto esauriente il cane dei miei sogni, che spero di potermi comprare il più presto possibile. Si tratta di un levriero poco conosciuto in Italia, con una storia millenaria molto interessante. In pratica è il progenitore di tutti i cani. http://www.saluki.it

  17. marioelio Says:

    Il saluki è molto bello. Ma – devo ammettere – mi impensierisce un po’ la parola “comprare” per “adottare”. Invito Carlotta e non solo lei a fare un giro in qualunque canile ufficiale o ufficioso per scoprire l’esistenza di tanti cani affettuosi, belli nell’invenzione della natura (appunto: “fantasia”), in cerca di qualcuno che se li porti a casa senza comprarli ma, appunto, scegliendo un compagno, un nuovo membro della famiglia.
    Una decina di anni fa, un parlamentare genovese fece una proposta di legge (firmata da decine di deputati di tutti i partiti e poi scomparsa con la fine della legislatura) per inserire i cani (e, direi, anche i gatti) nello stato di famiglia dei loro “proprietari”. Il fine era anche tutelare questi animali dagli abbandoni sconsiderati. Secondo me si trattava proprio di una bella idea.
    Forse sarà un po’ di retorica pasquale, ma di fronte ai tanti costosi cani di “razza”, quelli proletari, un po’ homeless (e homeasking), di “razza cane” insomma, e me fanno tanta più tenerezza. E hanno anche maggior bisogno (e voglia di dare) affetto.

  18. furyomori1 Says:

    Mi ricordo di quella proposta di legge e mi sono sempre chiesto che fine avesse fatto…

  19. carlotta Says:

    Anche a me non piace il verbo “comprare”, e un po’ mi vergognerò nello sborsare 800/1000 euro per ricevere affetto da un essere vivente quando potrei avere gratis quello di un altro molto più sfortunato, bisognoso e altrettanto bello. Mi consola il fatto che sarà la prima e ultima volta, perchè cercherò di “produrmi” gli altri a venire da sola.Anni fa strappai dalle mani di un parente, purtroppo per poco tempo, un meticcio che non era mai stato amato da nessuno (anzi…) e devo ammettere che la dedizione di quel cane nei miei confronti aveva qualcosa di diverso e davvero profondo, quasi umano.
    Trovo quella proposta di legge molto sensata e non capisco perchè non si possa “riesumare”:ridurrebbe notevolmente -o forse risolverebbe- il problema del randagismo. Bisogna anche dire che i cani di razza, essendo stati acquistati e avendo in questo modo un “valore”, rischiano meno di essere lasciati sul ciglio di una strada prima delle vacanze; questo non fa certo onore, ma è comunque un dato di fatto. Di conseguenza, se tutti comprassero i propri cani (e, a questo punto, se gli allevatori abbassassero i prezzi), forse diminuirebbero gli animali sofferenti nei canili. E’ un discorso un po’ “freddo”, lo so, ma nel nostro Paese spesso bisogna ragionare in questi termini. Negli altri stati è impensabile andare in vacanza senza i propri piccoli amici: quando vado in Corsica, partendo da Savona, vedo moltissime auto francesi e tedesche con più di un cane scodinzolante dentro. Auto italiane?Quasi nessuna. La stessa cosa succede in Alto Adige, in cui anche gli alberghi più chic ammettono gli animali, perchè altrimenti perderebbero tutta la clientela straniera.
    Tuttavia non bisogna “demonizzare” le razze canine nella loro totalità. Molte hanno una storia millenaria e sono state indispensabili all’uomo per cacciare, difendersi dai lupi, governare un gregge; il saluki è una di queste e nei paesi arabi -in questo meno venali di noi- tutt’ora può essere soltanto regalato a una persona meritevole. Altre esistono per essere infiocchettate ed essere umiliate alla “fiera delle vanità”, le esposizioni; di queste potremmo tranquillamente fare a meno.

  20. Valen Says:

    Chi abbandona o maltratta gli animali è un criminale. Trovo la proposta di legge un’idea interessante, ma mi chiedo quanto sarebbe efficace ai fini di impedire l’abbandono dell’animale. Qualcuno potrebbe imputare l’abbandono del proprio cane o gatto a uno smarrimento del medesimo.
    Esistono già obblighi (salvaguardati dal nostro ordinamento giuridico) che riguardano il rispetto della vita degli animali e forme di controllo (il chip sottocutaeno) che sono puntualmente disattese. Combattimenti clandestini, abbandoni e quant’altro, appartengono a una realtà poco confortante (mi ripropongo di riportare qualche dato).
    Questo è Bontakun (meglio conosciuto come Malvagio, per il suo carattere pestifero); è un micio (anche se ogni tanto crede di essere un pappagallo, come emerge nella foto) meticcio adottato da me e la mia ragazza l’inverno scorso dal canile di Savona: http://digilander.libero.it/Ygdrasil/malv.jpg

  21. carlotta Says:

    Bellissimo il micio!Anche la gattina nella foto con me non è di razza e nessuno la voleva adottare (mi domando ancora il perchè).

  22. carlotta Says:

    Segnalo il nuovissimo (è attivo da venerdì) e già molto visitato “canile virtuale” sul sito della provincia di Savona. Riunisce i sei ricoveri per animali abbandonati dislocati sul territorio e di ogni cane sono indicati nome, sesso, età approssimativa, carattere e data di ritrovamento. Ovviamente c’è anche una foto di ogni “ospite” e devo dire che temevo ce ne fossero molti di più. http://www.provincia.savona.it/temi/canili/home.asp

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: