Rileggere per capire. Un’esperienza in rete

by

kindle 3

Il breve racconto di non più di quindici minuti di navigazione in rete offre più spunti di riflessione di tanti saggi sull’argomento. Dunque, per prima cosa i fatti. So, per aver visto fisicamente l’oggetto, che Umberto Eco ha da poco pubblicato un libro – piuttosto un dialogo scritto con lo sceneggiatore francese Jean-Claude Carrere, dal titolo ammiccante – Non sperate di liberarvi dei libri  – che si riferisce appunto al futuro dell’editoria nell’epoca digitale. Ricordo di aver letto un articolo, quasi sicuramente su Repubblica, non so esattamente quando, che sempre si riferiva alla questione, proprio a firma di Eco. Penso di cercarlo per metterlo a disposizione del blog, in riferimento all’uscita del libro: ho dunque un’idea ben precisa di quello che devo cercare, quando imposto la ricerca sul motore interno di Repubblica con le parole “Eco” e “book”. La ricerca mi da molteplici risultati, ma non sono molto convinto di aver trovato quello che cercavo. Trovo invece, in terza o quarta posizione, un articolo di Corrado Augias del 18 ottobre 2000, dove si fa riferimento all’inaugurazione della fiera di Francoforte e Umberto Eco viene semplicemente citato. Nonostante l’articolo – si tratta di un’intervista allo storico della lettura Roger Chartier – sia ben altra cosa rispetto a quanto stessi cercando, mi sembra altrettanto interessante e decido di mettere questo a disposizione del blog. Con questa postilla: a distanza di dieci anni (un’enormità per i tempi con cui procede l’evoluzione tecnologica) la discussione sull’e-book come rivoluzione continuamente annunciata che sancirà la morte del libro mi pare sia inquadrata da Chartier nella giusta prospettiva antropologica. Anche dal punto di vista tecnologico si sperimenta e si cerca un mercato (è il caso del nuovo Kindle DX di Amazon) ma i tempi sono più lunghi di quanto si poteva ipotizzare.

Ecco quindi un esempio concreto di ipertestualità e logica associativa che i motori di ricerca contribuiscono a potenziare. Ma anche un esempio di conservazione e accessibilità della conoscenza racchiusa nella rete che, se saputa sfruttare, consente di riflettere sul portato storico dei cambiamenti. Meglio rileggere per capire, appunto, piuttosto di consumare e dimenticare.

Due avvenimenti investono il mondo dei libri. La Fiera che si è aperta ieri a Francoforte e che dedica un’attenzione particolare all’editoria elettronica e il lancio da parte della Mondadori dell’ebook, un libro simile a un’ agenda o a un minuscolo computer grazie al quale sarà possibile scaricare dalla rete (a pagamento) i testi disponibili. Dotato di buona capacità di memoria, il supporto potrà racchiudere fino a centinaia di libri “normali” con grandi possibilità oltre che, ovviamente, di lettura, di ricerca, di collegamenti (links) ipertestuali, di analisi. A Roger Chartier storico della cultura scritta, autore per Laterza (con Guglielmo Cavallo) di una storia della lettura, ho chiesto di valutare quali saranno i vantaggi e gli svantaggi possibili della rivoluzione imminente. Professor Chartier i libri e la lettura stanno vivendo una fase da qualcuno definita senza precedenti. Condivide questa valutazione? «In parte. A me pare che il momento attuale richiami il passaggio dal rotolo (volumen) al libro (codex) che coinvolse sia l’ oggetto fisico che l’ atteggiamento del lettore. Il lettore poté per la prima volta sfogliare, leggere e scrivere nello stesso tempo, stabilire e consultare un indice, includere tavole, tutte cose impedite al lettore del rotolo. Anche con la scrittura elettronica molto cambierà: il supporto in primo luogo, la posizione che sarà in genere davanti a uno schermo i diversi percorsi che l’ ipertesto rende possibili. Tuttavia quando mi chiede se questa fase è senza precedenti, devo rispondere di sì. Il codex introdusse un nuovo supporto e un nuovo modo di leggere ma non rappresentava un’ innovazione tecnica. L’invenzione della stampa fu un’ innovazione tecnica ma non comportava un cambiamento negli altri due elementi. Oggi le tre cose stanno cambiando nello stesso momento e questo effettivamente non era mai successo prima». Tutto ciò accade nel momento in cui i lettori diminuiscono e il mercato librario si contrae. Possiamo prevedere con quali conseguenze? «Non legherei una certa diminuzione delle abitudini di lettura all’ avvento della lettura elettronica. Le statistiche dicono che stanno diminuendo i cosiddetti “lettori forti”. Ciò significa che molti ex lettori forti oggi sono impegnati in altre attività intellettuali. Più in generale è vero che le classi tra i 15 e i 25 anni leggono meno libri e non hanno il gusto che avevamo noi di “fare biblioteca”. Letto un libro lo prestano, lo regalano, lo vendono. Gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni, mostrano addirittura un’ accentuata svalutazione della lettura. Tutti fenomeni nei quali non è in gioco la lettura elettronica, ma altri riferimenti culturali che sono in fase di mutazione». Torniamo al libro elettronico, lei come lo definisce? «Faccio un esempio con il libro di Umberto Eco che sta per uscire. Quel libro sarà in primo luogo un oggetto con alcuni caratteri distintivi (formato, prezzo, titolo, copertina e, beninteso, contenuto) rispetto ad altri oggetti della cultura scritta. Possederà in altre parole coerenza e identità abbastanza forti da poterlo definire un’ opera. Prima che un libro bisogna però analizzare che cos’ è in generale la scrittura elettronica. Nella scrittura elettronica gli elementi che ho citato spariscono. L’ oggetto diventa il computer che però è il veicolo di molti testi e di altri messaggi, dalla posta elettronica alle linee di conversazione. Non c’ è più il criterio di riconoscimento materiale ma anche il criterio di “opera” è messo in pericolo dal momento che la scrittura elettronica è nello stesso tempo più e meno di un libro stampato. Può trasformarsi secondo le circostanze in un’ intera biblioteca o in una semplice agenda. Per di più il suo testo è aleatorio, modificabile quindi conflittuale con il concetto di “opera”». Questo per la scrittura in generale. Il libro elettronico però è diverso. «Infatti, pur nella sua ambiguità, il libro elettronico ha una scrittura stabile, ferma, che non può essere riprodotta né modificata, che non richiama l’ intervento del lettore. E’ anche in una certa misura un “oggetto” anche se come supporto fisico torna ad essere sfuggente potendo lo stesso “oggetto” ospitare decine e centinaia di libri diversi». Crede che questo curioso oggetto così nuovo per noi rimpiazzerà il familiare libro di carta? «Qualcuno ha detto che se il libro su carta fosse stato inventato dopo quello elettronico, sarebbe lui la vera novità. E’ più d’ un paradosso. Il libro su carta è maneggevole, si sfoglia facilmente, è più gradevole al tatto eccetera. Non abbiamo fino ad oggi esempi di come si reagisce alla lettura di testi lunghi davanti a uno schermo. Il romanzo di Stephen King, distribuito per via elettronica, era un esperimento di soli due capitoli. Lo schermo presenta d’ altra parte vantaggi indiscutibili per la lettura di studio. La nuova tecnica permette di organizzare il testo in maniera inedita su diversi livelli: dalla lettura semplice a quella arricchita da richiami, note, bibliografie, rimandi ad altri testi, percorsi ipertestuali e quant’ altro. In ogni caso la storia della lettura insegna che i cambiamenti delle abitudini sono sempre più lenti dei cambiamenti nelle tecniche. Esiste però qualche certezza per quanto riguarda la lettura elettronica. Ciò che viene bene è la lettura su schermo di un’ enciclopedia. Data questa diversità di specializzazione credo che il libro elettronico non sostituirà la cosiddetta “macchina di Gutenberg”, cioè la vecchia carta, ma la integrerà». E’ possibile prevedere che cosa sarà di coloro che solo tra qualche anno cominceranno davvero a leggere? «Quella di domani sarà certamente una società di scriventi, anzi le esigenze di scrittura saranno maggiori delle nostre perché il mondo del consumo ne ha bisogno. Si tratterà di una scrittura accompagnata spesso da immagini. Il ventenne del 2020 leggerà con uguale facilità sia su carta che su schermo. La storia ci dice che dopo Gutenberg la forma manoscritta non è scomparsa anzi s’ è rafforzata. Leggerà come leggiamo noi? Qui la risposta è più difficile perché l’ abitudine all’ iperlettura, che dobbiamo dare per scontata, avrà creato in lui abitudini diverse». Quel ventenne sarà abituato a un mezzo che gli permette di leggere, vedere e ascoltare nello stesso tempo, la sua percezione dei legami tra questi tre mezzi sarà quindi diversa dalla nostra. Dove leggerà? Voglio dire su quale strumento? «Il testo elettronico non sarà più legato a un oggetto specializzato, si tratti di computer o di libro elettronico. I testi varcheranno lo spazio e raggiungeranno il lettore su una qualunque superficie adatta: il muro della stanza dove ci troviamo o la manica della mia giacca. La biblioteca del futuro non avrà muri né, almeno in linea teorica, mancanze, il sogno della biblioteca di Alessandria diventerà in questo modo accessibile». Per tutti? «Sicuramente non per tutti. Anzi c’ è il rischio che la scrittura elettronica renda ancora più profonde le diseguaglianze creando un nuovo analfabetismo che non consisterà più nell’ incapacità di leggere o di scrivere bensì in quella di non saper padroneggiare le nuove forme di trasmissione dello scritto. Lo schermo di domani non contrapporrà più testo scritto e immagine come hanno fatto cinema e tv, sarà invece un mezzo potente di acculturazione testuale. Lo sforzo e la battaglia saranno di renderlo accessibile al maggior numero di persone». – di CORRADO AUGIAS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: