Come ottenere una buona indicizzazione dei post?

by

 

 

Come ottenere una buona indicizzazione dei post? è stata la domanda che ha accompagnato il mio tirocinio universitario.

Ho svolto il mio tirocinio  presso la libreria commissionaria di Corso Firenze (Genova) E. S. Burioni Ricerche Bibliografiche. L’azienda, oltre a essere la fornitrice delle biblioteche di alcuni importanti atenei italiani (Genova e Bologna per esempio) e a lavorare quindi all’interno di un circuito di clienti “istituzionali”, gestisce un portale di e-commerce vendendo libri ai “privati” attraverso il suo sito web Libon.it. Inoltre, l’azienda gestisce un blog i cui post sono pubblicati sulla homepage del sito aziendale. Il blog si chiama Libon News Blog e i suoi post sono di argomento editoriale-letterario: i libri in uscita (sia italiani che stranieri), le classifiche dei libri più letti o venduti (in Italia, Francia, Germania, UK, USA), i premi letterari, gli autori premiati ecc…

Da subito, la mia mansione all’interno dell’azienda è stata più o meno mirata: gestire il blog aziendale Libon News Blog e redigerne i post. Allo stesso modo, da subito è stato chiaro  l’obiettivo che mi sarei dovuto prefiggere: aumentare la visibilità dei post sul web, quindi aumentare la visibilità del sito aziendale cui i post rimandano. In altre parole, l’intenzione era quella di arrivare a far leggere i post a un numero maggiore di utenti web e quindi di far conoscere il sito a utenti “nuovi”.

Che cosa vuol dire “aumentare la visibilità dei post sul web”?

Ogni post pubblicato da un blog registrato quindi “riconosciuto” da un motore di ricerca (Google, Yahoo, Ask.com ecc…) viene indicizzato all’interno del database del motore di ricerca stesso.  Il termine ‘indicizzazione‘ indica l’assorbimento di un sito web o, in questo caso, di un post all’interno delle pagine di un motore di ricerca e implica che l’elemento “assorbito”, da quel momento in avanti, possa comparire nelle pagine di risposta del motore di ricerca alle interrogazioni degli utenti web. Tuttavia, per aumentare la visibilità di un post non basta la semplice indicizzazione. Occorre invece un buon ranking o posizionamento. Qui il discorso cambia: non si tratta semplicemente di inserire un post nella Rete, ma di garantirne un buon posizionamento nelle pagine del motore di ricerca in modo tale che compaia “in alto”, tra le prime risposte del motore, a seguito di una ricerca dell’utente.

Questo è l’obiettivo da perseguire per aumentare la visibilità di un blog sul web: migliorare il posizionamento dei suoi post.

Come garantire un buon posizionamento ai post?

Innanzitutto, occorre tenere presente che la ricerca dell’utente web viene condotta attraverso poche parole-chiave o keywords. L’utente web che non conosce già la URL del sito, o, in questo caso, del blog cui vuole arrivare, spesso svolge una ricerca “a tentativi” utilizzando alcune parole-chiave inerenti all’argomento di suo interesse. Per questa ragione, penso che il blogger che voglia raggiungere nuovi lettori debba restringere l’argomento di pertinenza del suo post e costruirlo attorno a poche parole-chiave in merito alle quali il suo post risulti tra le prime risposte del motore di ricerca. In altre parole, secondo la mia esperienza il blogger dovrebbe per prima cosa (1) restringere il campo tematico del suo post, e poi, una volta fatto questo, (2) pensare a dare al suo post un alto posizionamento all’interno del motore di ricerca.

1. Per quanto riguarda il primo punto, nel mio caso ho deciso di postare soprattutto in merito alla pubblicazione di un singolo libro. Così facendo, ho ristretto l’argomento dei post al singolo prodotto editoriale e al suo autore, e ho ristretto notevolmente la fascia dei possibili lettori circoscrivendola agli utenti web che conoscono già il prodotto editoriale e ne cercano notizie in merito sul web. Solo tra costoro cerco nuovi lettori. Ecco alcuni esempi: 1.2.3.

2. Per quanto riguarda il posizionamento del post nelle pagine del motore di ricerca, occorre fare un discorso più specifico alla tecnica di scrittura. Secondo la mia esperienza e secondo quanto ho appreso consultando il sito web di consulenze SEO Goatseo.com, un post deve:

  1. essere composto da un numero totale di parole non supeiore a 200;
  2. avere 2 o 3 keywords inserite nel titolo e riprese (almeno) nella prima frase del testo;
  3. avere un alto numero di collegamenti ipertestuali ad altri siti web ma, soprattutto, al sito web di afferenza del blog.

Seguendo queste regole di scrittura, il post risulterà “gradito” al motore di ricerca e, relativamente alle keywords utilizzate dal redattore, raggiungerà alte posizioni di ranking nelle pagine del motore di ricerca stesso.

 

 

Alberto Cavallo

Annunci

Tag: , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: